La Settimana Confederale

Di seguito le news settimanali dal 12 al 16 GIUGNO 2017.


SITUAZIONE GENERALE


La settimana che è trascorsa ci ha visti impegnati in alcuni convegni organizzati dal Ministero dei Trasporti in preparazione della riunione del G7, prevista per il 21 giugno p.v. a Cagliari.


I momenti di confronto ci hanno consentito di rappresentare al Ministro le posizioni che le federazioni dell’autotrasporto, senza alcuna eccezione, hanno assunto sui contenuti delle proposte di  direttiva che la Commissione europea ha presentato relativamente al pacchetto stradale.


Certamente molte normative, come è già stato comunicato, toccano l’attività delle nostre imprese che vedono, sia nel numero delle operazioni di cabotaggio illimitato per un periodo di cinque giorni, sia nella possibilità di noleggio per il conto proprio, anche se realizzato con paesi esteri, sia nelle nuove normative che mirano ad aggravare le norme in atto al fine di meglio tutelare l’ambiente, un peggioramento rispetto alle condizioni vigenti. L’assurdo è che si pensa di tutelare l’ambiente e poi si consente il noleggio al conto proprio ma così si incrementano i viaggi a vuoto o l’abusivismo.


Nel corso dei convegni, occorre riconoscere, che il Ministro Delrio ha ribadito i contenuti nell’intesa di Parigi denominata “alleanza per la strada” del 31 gennaio u.s. il Governo non è intenzionato a rinunciare in alcun modo alla parte che riguarda il costo del lavoro imperniata sul principio : “stessa paga, per lo stesso lavoro, nello stesso luogo”.


Ovviamente, Conftrasporto non può che essere soddisfatta, di come si siano sviluppati i confronti tra le parti. In particolare ci piace evidenziare, ci perdoneranno soprattutto quelli che stanno tendando di copiare la nostra esperienza associativa, (anche se da noi padroni del vapore non ci sono,) come il titolo connettere l’Italia riprenda il tema che Conftrasporto/Confcommercio propose come argomento di discussione a Villa d’Este al Forum dei trasporti. Si affrontò allora il tema di come la mancanza di connessioni fosse per il Paese una palla al piede al proprio sviluppo. Vedere che tale argomento è diventato uno dei punti della politica che il Ministero dei trasporti sta portando avanti non può che far piacere.


Nel corso del mio intervento ho voluto rilanciare l’idea di ridar vita alla Consulta del trasporto e della logistica come elemento di stabilità per poter avere su  un argomento così determinante una continuità d’azione, anche nel caso di un cambio dei responsabili politici. Sentire che il Ministro nelle conclusioni ha riconosciuto questo organismo utile per il Paese è stato un ulteriore motivo di soddisfazione.


La politica dei trasporti e della logistica deve divenire un elemento centrale della politica economica di ogni Esecutivo. Noi lavoriamo per questo obiettivo e cerchiamo di creare le condizioni associative per meglio favorire tale risultato. Questo è ciò che ha spinto la dirigenza di Conftrasporto a credere ed a operare per realizzare una rappresentanza di sistema. Comprendiamo che altri provino  ad ostacolare il percorso e per meglio tutelare i propri interessi provino a mettere in campo una (pseudo)associazione utilizzando metodi che non sono propriamente etici ( qualcuno mormora che verrebbero utilizzate anche forme di ricatto). Lo abbiamo già affermato e lo ripetiamo non crediamo che questo avvenga ma se le voci continuassero e se dovessimo registrare una intensificazione di talune iniziative, non rinunceremmo certamente a difendere con ogni strumento utile la libertà di associarsi (principio costituzionale). Lo sosteniamo dopo aver avuto contezza che quanto sta avvenendo non è solo la conseguenza di una competizione commerciale, che non ci riguarda in alcun modo, ma risponde solo ad una logica demenziale di destrutturare le rappresentanze più significative del settore. Così si indebolisce il settore. Oltretutto occorre ancora evidenziare come sia evidente che questi signori usufruiscono le conquiste per ottenere le quali questa (pseudo)associazione non ha fatto assolutamente nulla.


Continuerò a sostenere con il mio invito agli imprenditori che con sacrifici si sono trasformati da vettori in grandi operatori logistici. Il rischio che si corre, seguendo certe iniziative, è tornare ad essere dei sub operatori di qualcuno che opererà sul mercato di dominus ed imporrà le regole alle quali chi  non vorrà essere estromesso dovrà soggiacere. Reagite! Non pensate e non credete che queste siano battaglie di poco conto! Se ciò che intende realizzare qualcuno dovesse riuscire (cosa sulla quale dubito) subirete questa evoluzione. Poi sarà troppo tardi! Già alcuni contatti con committenze rilevanti vi sono stati. Le proposte ovviamente sono state quelle di aver in assegnazione in esclusiva tutte le commesse e questo ovviamente in sostituzione di coloro che oggi operano direttamente. Ma tra qualche tempo le condizioni chi le determinerà se non il detentore dei traffici?


SENATO LICENZIA MANOVRINA


Il Senato ha approvato definitivamente nella giornata di giovedì le disposizioni che riguardano il mondo dell’autotrasporto.


CERNOBBIO TERZO FORUM DEI TRASPORTI


Sono proseguiti e si stanno definendo i preparativi per la terza edizione del Terzo Forum internazionale dei trasporti che si terrà il 9 e 10 ottobre a Villa d’Este a Cernobbio. Temi di grande attualità come la via della seta, il pacchetto stradale, l’ambiente ed i confronti con le condizioni esistenti in altri paesi che competono con noi. Le conferme dei relatori sono di grande rilievo e quindi speriamo di poter anche in questa edizione presentare un quadro di riferimento importante.


NAPOLI 28 GIUGNO


Nel frattempo sono in via di definizione gli aspetti organizzativi per il convegno che terremo a Napoli il 28 giugno e che avrà come argomento la riforma portuale, le conseguenze e le ipotesi legate allo sviluppo del sistema campano. Anche in questa occasione la presenza di relatori di rilievo è assicurata.


RINNOVO CCNL


Si è svolto l’incontro che ha visto coinvolte anche le rappresentanze confederali di Conftrasporto, Cna e Confartigianato sul delicato argomento del rinnovo contrattuale. La scelta di non rinunciare a quanto era già stato annunciato circa la separazione dei contratti è stata pienamente confermata da tutti. Così nella giornata successiva all’incontro tecnico con le organizzazioni dei lavoratori, la nostra delegazione della parte datoriale ha in modo netto potuto ribadire che la posizione non muta e che l’obiettivo prefissato è di ottenere il contratto separato.


FINE SETTIMANA NEL VENETO E LA PROSSIMA SETTIMANA A CAGLIARI


Venerdì sarò in Veneto per un incontro tra la nostra federazione e le associazioni del Commercio e sabato sarò presente all’assemblea dell’Anita. Mercoledì saremo invece a Cagliari in occasione del G7 dei trasporti, evento per il quale questa settimana vi sono stati i convegni ai quali abbiamo partecipato.


Alla prossima.


Paolo Uggè

16 giugno 2017